Parcoalpimarittime.it
« Torna versione grafica

Premiata la collaborazione e l'impegno degli operatori locali

Le Marittime ricevono la Carta europea del Turismo sostenibile

Incontro con gli operatori e amministratori locali a Chiusa di Pesio.

Giovedì 7 dicembre, nella sede del parlamento europeo a Bruxelles, le Aree Protette Alpi Marittime e il Parc national du Mercantour riceveranno la Carta europea del Turismo sostenibile (Cets).

Il Parco delle Alpi Marittime e il Parc du Mercantour, dal 2001 e dal 2006, hanno già la Cets che è stata rinnovata ogni cinque anni in seguito alle verifiche da parte dei tecnici di Europarc Federation. La novità di assoluto rilievo della nuova Cets è la sua attribuzione congiunta alle due aree protette “per la loro consolidata esperienza nella cooperazione transfrontaliera e per la ricca offerta turistica che integra tutti gli aspetti della sostenibilità (conservazione, mobilità, flussi...)", scrive Europarc nell’invito a partecipare al ritiro della Carta valida per il periodo 2017-2021.

Il rilascio di un’unica Cets a due aree transfrontaliere in Europa ha il solo precedente dell’attribuzione ai parchi delle Prealpi Giulie e del Parco del Triglav (Slovenia) avvenuto nel 2016.
L’accoglimento della candidatura dei due parchi è il risultato della positiva collaborazione dei portatori di interesse (amministrazioni locali e operatori turistici ed economici) del territorio transfrontaliero. Tutti insieme, con un percorso di appuntamenti e scambi durato diversi mesi, hanno sviluppato una comune strategia per il turismo sostenibile e un piano di azioni proposte dai vari soggetti da realizzare nell’arco dei prossimi cinque anni.

La Cets che sarà consegnata a Bruxelles è un altro importante traguardo raggiunto dai due parchi che insieme hanno già costituito il Gruppo europeo di cooperazione territoriale (Gect) Parco europeo Alpi Marittime Mercantour. Risultato di oltre trent’anni di collaborazione tra le due realtà transfrontaliere all’insegna del motto “la natura non ha confini” e che ora stanno affrontando l’ambiziosa sfida di diventare Patrimonio dell’Umanità Unesco con la candidatura delle Alpi del Mediterraneo che sarà presentata a gennaio 2018.


Pagina pubblicata il 30/11/2017 | 15:47


powered by Frequenze Software
Ente di gestione Aree protette delle Alpi Marittime