Gelas

Il "Monte Bianco" delle Marittime

Il massiccio del Gelas | A. Rivelli

Il tempo è superbo e non potremmo desiderarlo migliore, l'esteso panorama di tutta la catena che va dagli Appennini alle estreme Alpi orientali presenta un quadro veramente grandioso

Bartolomeo Figari, Alpinismo senza chiodi

 

A differenza dell'Argentera, che si discosta dallo spartiacque principale della catena alpina, il Monte Gelas (3143 m) è posto proprio sul confine fra Italia e Francia e costituisce la principale elevazione delle Marittime francesi.

Per la sua posizione è una delle mete più interessanti della zona grazie all'eccezionale panorama a 360 gradi di cui si può godere dalla vetta. Lo sguardo spazia dal mare della Costa Azzurra ai vicini massicci dell'Argentera e del Matto, fino a spingersi verso il Monviso e le principali montagne delle Alpi Cozie, Graie e Pennine.

La coltre nevosa dei versanti settentrionali è piuttosto consistente e spesso permane per tutta la durata dell'anno: a questo fatto è probabilmente da ricondurre l'etimologia del toponimo e l'appellativo, un po' pretenzioso, di "Monte Bianco delle Marittime".