Parcoalpimarittime.it
« Torna versione grafica

Regolamenti

Semplici regole per vivere la montagna in armonia.

"Non prendiamo nulla,
se non le fotografie.

Non gettiamo nulla,
tranne lunghi sguardi intorno a noi.

Non lasciamoci niente alle spalle,
a parte le nostre impronte.

Non ammazziamo nulla,
se non il tempo in modo piacevole.

Non portiamo via nulla,
di diverso dai ricordi.
"



Le norme di comportamento all'interno del Parco potrebbero essere riassunte in queste riflessioni, unite al buon senso che deve guidare chiunque si avvicini a un ambiente naturale protetto. Esistono comunque divieti specifici che ogni visitatore deve rigorosamente rispettare.

Armi e caccia
Nel Parco è vietata ogni attività venatoria, nonché l'introduzione di armi, munizioni, esplosivi e di qualunque mezzo di cattura della fauna selvatica

Circolazione con mezzi motorizzati
Su tutto il territorio del Parco e' vietato compiere percorsi fuori strada con mezzi motorizzati e percorrere con questi strade chiuse al transito, sentieri e mulattiere, fatti salvi i mezzi autorizzati.

Introduzione di cani
I cani possono essere condotti solo nei centri abitati, lungo le strade comunali e provinciali e alcuni percorsi segnalati, dove devono comunque essere tenuti al guinzaglio.
Scarica la mappa con i percorsi consentiti con i cani al guinzaglio.

Accensione di fuochi
L'accensione di fuochi al suolo e' vietata in qualsiasi periodo dell'anno.Nelle aree attrezzate appositamente individuate e segnalate e' ammesso l'uso di fornelli da campo e di bracieri.

Tutela della fauna
È vietato alterare e modificare in qualunque modo le condizioni naturali di vita degli animali.

Insetti, anfibi e molluschi
La raccolta, l'asportazione e l'uccisione volontaria di qualsiasi specie di insetti, molluschi e di anfibi, sono sempre vietate.

Tutela della flora
È vietato danneggiare e distruggere i vegetali di ogni specie e tipo, fatte salve le operazioni connesse alle attività agricole e forestali; è vietato abbattere o danneggiare alberi che abbiano un particolare valore ambientale, scientifico o urbanistico.

Raccolta dei funghi e della flora spontanea
La raccolta, l'asportazione, il danneggiamento o la detenzione dei funghi e della flora erbacea ed arbustiva sono regolati da specifiche leggi regionali.

Raccolta dei prodotti del sottobosco
La raccolta, l'asportazione, il danneggiamento o la detenzione di qualsiasi prodotto del sottobosco sono regolati dalla legge regionale 2 novembre 1982, n. 32.

Disturbo della quiete e degli habitat naturali
L'uso di apparecchi radio e televisivi, nonché riproduttori di musica e di suoni di vario genere, è vietato al di fuori delle aree attrezzate individuate e segnalate, al fine di non arrecare disturbo alla quiete dell'ambiente naturale ed alla vita degli animali.

Rocce e minerali
È vietato asportare rocce o minerali, ad esclusione della raccolta a scopi scientifici e previa autorizzazione.

Attività fotografica
È vietata l'attività fotografica, sia professionale che amatoriale, quando essa arrechi disturbo ed oggettivo pericolo nei confronti delle attività riproduttive e di nidificazione degli animali.

Lavaggio di stoviglie e di automezzi
È vietato provvedere al lavaggio di stoviglie nelle acque di sorgenti e negli specchi di acqua ferma. E' vietato il lavaggio di automezzi lungo i corsi d'acqua, presso le sorgenti, le cascate, i laghi e gli specchi di acqua ferma.

Divieti temporanei di accesso
Il Parco può temporaneamente impedire l'accesso a particolari e limitate zone, opportunamente indicate con apposite tabelle, a fini selvicolturali e/o faunistici.
Le norme di comportamento all'interno di un Parco sono riassunte nel “manifesto” riportato nella parte introduttiva di questa sezione, unite al buon senso che deve guidare chiunque si avvicini a un ambiente naturale protetto.

Al momento attuale il Regolamento del Parco è in fase di revisione, per un adattamento alla nuova realtà territoriale. Sono vigenti una serie di limitazioni e divieti contenuti principalmente nelle Leggi regionali n. 32 del 1982 e integrazioni seguenti e n.16 del 1987 che ogni visitatore deve rigorosamente rispettare.


powered by Frequenze Software
Ente di gestione Aree protette delle Alpi Marittime