Cinquefoglie di Valdieri

Potentilla valderia L.

Aspetto: Pianta alta 20-40 cm, con portamento a piccolo cespuglio, verde-tomentosa, quasi argentea, con rizoma legnoso e fusti eretti, robusti, multiflori. Foglie basali spesse, eretto-patenti tomentose spesso glabrescenti di sopra con 5-7 segmenti spatolati interi nella parte inferiore e dentellati nei due terzi superiori con 6-10 dentelli, con lungo picciolo sericeo. 2-4 foglie cauline alterne di dimensioni decrescenti verso l'alto con stipole grandi parzialmente saldate al picciolo. Fiori raccolti in una cima corimbosa multiflora, densa e compatta. Calice con porzione inferiore concresciuta portante 10 lacinie, disposte in due verticilli da 5 lacinie ciascuno, l'inferiore o epicalice con lacinie strette, linerari e acute e il superiore formato dai sepali veri e propri ovato-lanceolati, più larghi e più lunghi delle lacinie dell'epicalice, acuminati. Corolla formata da 5 petali bianchi obovati stretti alla base in un unghia corta, più brevi sia dei sepali che delle lacinie dell'epicalice. Ricettacolo setoloso, stami a filamenti villosi. Il **frutto" sono acheni villosi.

Periodo di fioritura: Luglio - agosto

Habitat: Rupi ombrose, su silice, a quote dai 1300 ai 2400 metri (raramente 2800).

Distribuzione: Sub endemismo delle Alpi Marittime dal M. Tenibres a Limone. Rara. Presente anche nelle vicine vallate francesi.

Etimologia: Il genere Potentilla deriva il suo nome dal vocabolo latino potens, "potente" e, attraverso il diminutivo aggraziato, vorrebbe esprimere il significato di “piccole piante con moltissima forza”. Il nome specifico ne indica il centro di distribuzione.

Proprietà e utilizzi: Tutte le specie del genere Potentilla sono state accreditate in passato di poteri officinali. Tuttavia, mentre in passato si concedeva loro con eccessiva sicurezza via libera nei più svariati e spericolati utilizzi medicinali, oggi si tende a riconoscere loro solamente un modesto ma utile potere astringente ed un'azione blandamente febbrifuga. Le specie attualmente accreditate dal punto di vista officinale sono attualmente Potentilla anserina, Potentilla reptans e Potentilla erecta.

Protezione: -


Endemismo: gli endemismi sono specie animali o vegetali che vivono esclusivamente in un determinato territorio. Quando questo è molto limitato si parla di endemismi "ristretti". "Endemico" non è necessariamente sinonimo di "raro": le specie rare contano pochi individui distribuiti in areali ampi, una specie endemica può essere anche abbondante in una determinata zona, ma essere limitata a quell'unico territorio.